Ritorno all'Isola che non c'è
(Return to Neverland)
2002

ATTENZIONE. Tutte le immagini relative a Walt Disney o alle opere della sua azienda, sono © Disney.

La locandina del film Quando ormai i secondi capitoli dei film Disney non stupivano più nessuno (ricordiamo con nostalgìa i tempi in cui un Classico era intoccabile), accadde una piccola rivoluzione. Per la prima volta, un film concepito per l'Home Video fu dirottato nelle sale perché ritenuto capace di catturare l'attenzione del pubblico fino al punto da portarlo al cinema.
Questo a mezzo secolo dal Classico originale: "Le Avventure di Peter Pan".
Anche "Il Re Leone 2" sembrò sul punto di fare il grande salto, ma toccò al ragazzo che non cresce mai l'onore di essere il primo.
Come è spesso accaduto nei seguiti, "Ritorno all'Isola Che Non C'é" sposta l'attenzione sulla generazione successiva. Resta il fatto che Peter Pan non cresce ma questo, se da un lato appare come un limite, dall'altro fornisce un'occasione di dolceamaro che gli sceneggiatori e animatori Disney non si sono lasciati scappare, e che utilizzano per un memorabile attimo nel finale.

Pur mancando della particolare aura dei Classici del tempo di Walt Disney, questo secondo capitolo merita di essere visto per le sue innovazioni e per i contatti che mantiene col film al quale si ispira. L'equilibrio viene mantenuto aggiungendo un tocco particolare che non dispiace.

Una seriosa JaneLa cronologia ci sposta dall'inizio '900 del film del 1953 agli anni'40 di questo seguito del 2002. Siamo in piena Seconda Guerra Mondiale.
In questi difficili anni, mentre Londra viene ferita e martoriata dalla follìa umana, la piccola Jane cresce in fretta e smette troppo presto di prestare attenzione alle storie di sua madre Wendy Darling, che crede nell'esistenza di Peter Pan.
Dopotutto perché non dovrebbe? Lo faceva quando non l'aveva mai visto... figuriamoci dopo averlo conosciuto, aver vissuto nel suo rifugio e affrontato al suo fianco il terribile Capitano Uncino, prima di decidere di tornare a casa e crescere.

Nel mondo di Peter, il semplice fatto di crescere è poco compreso. Ecco spiegata l'apparizione nei cieli di Londra del vascello di Capitan Uncino che, in cerca di vendetta, pensa bene di rapire Wendy, portando via, invece, Jane.

Peter Pan e JanePeter e Jane in voloPeter Pan la libera, credendo anche lui che si tratti della sua amica Wendy, ma trovando, invece, una ragazzina ben diversa che non crede alle favole, nemmeno quando ci si trova dentro.
Tutto le appare folle e senza logica, in un mondo come quello dell'Isola Che Non C'é.
Durante una lite con i suoi compagni di avventura, la fatina Trilly accusa il colpo peggiore: la dichiarazione di Jane di non credere alle fate! La sua vita è in pericolo. Le fate vivono solo finchè qualcuno crede in loro, e una ragazzina che non lo fa è un colpo micidiale! La fatina perde vitalità e forza, iniziando a spegnersi lentamente.

Peter prigioniero di UncinoQuesto non è il solo problema. Capitan Uncino e Peter Pan continuano ogni giorno la loro lotta e ad un certo punto, il pirata si trova in vantaggio, con Peter e i suoi compagni in mano sua. L'arma vincente del cattivone è stata Jane, che si è lasciata convincere a collaborare in cambio del ritorno a casa.
Jane si rende conto della sua responsabilità nel disastro e torna nel rifugio a chiedere aiuto. Trova Trilly ormai immobile e insensibile ai suoi richiami.
Le lacrime di una ragazzina di dodici anni per la vita di una fatina sono la prova che, in fondo, può ancora credere. Trilly si riprende!

Questo è l'inizio della risalita. Jane scopre il potere dei sogni, della fantasia e della voglia di volare. Si! Volare!
La giovane indurita e raffreddata dalla guerra deve credere alle fiabe per vincere la sua battaglia e il coraggio necessario lo ha maturato affrontando quotidianamente i bombardamenti sulla sua città.

L'unità con i suoi compagni è una marcia in più con cui Uncino deve presto fare i conti e, di nuovo, il capitano verrà umiliato.

Jane e i Ragazzi Sperduti alla riscossa
Se nel primo film, Wendy doveva prendere la decisione di crescere, in questo sequel, Jane deve invece tornare a vivere la sua infanzia. In un certo senso, un sequel come questo completa il discorso di un Classico e aggiusta il tiro. Un po' come dire che c'è un tempo per ogni cosa.
Jane torna a casa con la capacità riconquistata di sorridere e sognare, somigliando, ora più che mai, a sua madre Wendy.
Peter ha accompagnato la ragazzina a casa e Wendy, tanto saggia da capire che qualcosa l'ha fatta cambiare, ma anche tanto sognatrice da percepire la presenza del ragazzo conosciuto tanti anni prima, si affaccia alla finestra, regalandoci quel breve e intenso momento al quale si accennava all'inizio di questa pagina.
L'incontro tra Wendy e PeterWendy e Trilly
Sul piano tecnico e visivo il film si sforza di riprendere lo stile di "Le Avventure di Peter Pan", ma il mezzo secolo che intercorre tra i due film implica dei cambiamenti.
La CGI supporta gli animatori firmando, nel modo tipico dei nostri anni, il film. L'intero vascello pirata è tridimensionale, ma questa tecnica mal si concilia con l'idea di collegarsi ad un prodotto di diversi decenni fa. Forse però, del film originale, ci manca di più il coccodrillo Cocò, sostituito, chissà perché, dall'enorme piovra che ne ricopre lo stesso ruolo, apparendoci purtroppo come un blando supplente.
Ma alla fine, il film è migliore o peggiore del Classico? Dipende da quello che cerchiamo.
L'incanto del 1953 è tornato solo in parte nel 2002, ma il ritmo del sequel è più magnetico. L'originalità di un Classico non può, in quanto tale, tornare in un "numero due", ma il tema della guerra dà uno spessore particolare al film.
La cosa migliore è, forse, guardarseli tutti e due. Dopotutto, perché perdere tempo a scegliere tra due film quando ognuno possiede i propri pregi?


INIZIO PAGINA

Torna a
"I LUNGOMETRAGGI
DI ANIMAZIONE
E IN TECNICA MISTA"

Clicca qui per
entrare nel Forum

Vuoi un Forum gratuito come il mio?
ForumCommunity.net


Mandami una E.Mail cliccando qui. Per i tuoi commenti, per i tuoi pareri, per le tue critiche e per quello che vuoi.

Questo sito è ottimizzato per una definizione di "1024 X 768" e per una visualizzazione con "FRAMES".
Impostazioni diverse hanno effetto sulla disposizione degli oggetti e dei testi.
Se non vedi il Frame a sinistra con l'elenco delle pagine è necessario aprire la
pagina principale.

INIZIO PAGINA